Home » Novità e offerte

Novità e offerte

Grande novità..... scarica l'App "FIORISTA PIANO"   su play store o apple store....

potrai prenotare l'omaggio floreale che preferisci.

 

 

 

 

 

 

ANCHE NOI AIUTIAMO TELETHON

 

QUANDO LA BENEFICENZA E’ DAVVERO “BUONA

 

La beneficenza può essere cattiva?

 

Può un’azione di beneficenza tentare di aiutare qualcuno ma danneggiare sicuramente altri?

 

Può sembrare un controsenso, ma andiamo per gradi e proviamo a spiegare un fenomeno che nell’ultimo decennio è diventato uno strumento perverso che con la “scusa” della beneficenza, incassa soldi  e devasta un’intera categoria.

Da un lato ci sono una miriade di ONLUS, associazioni (senza scopo di lucro) nate con il nobilissimo scopo di raccogliere fondi da destinare alla beneficenza; dall’altro ci sono le “festività raccomandate” come San Valentino, festa della donna, festa della mamma, Pasqua, Natale, ecc., ecc.

Ebbene, puntualmente, quando c’è da incassare soldi per vere o meno raccolte di beneficenza, tutte queste “nobilissime” Onlus che cosa pensano di originale?

“Vendiamo piante!!!!!

Però vendiamole nelle feste dove i fioristi lavorano di più!!!!

Tanto che cosa ce ne importa a noi che i fioristi non vendono più la rosa per la mamma perché i clienti comprano nei banchetti in mezzo alla piazza l’azalea di turno o l’orchidea o l’ortensia o il ficus beniamino o l’anthurium o il bonsai……………..(e potrei continuare per molto ancora)”

 

Cosa c’è di strano?

Intanto se una persona vuole fare beneficenza non ha bisogno di aspettare una festività, ma può farlo in qualsiasi altro giorno dell’anno.

Poi per quale motivo una persona che crede di fare beneficenza deve comprare (attenzione a questo termine) una pianta ad un prezzo imposto?

 

Non sembra logico chiedere un’offerta ad un prezzo stabilito.

Ma la pianta non deve essere un simbolico ringraziamento per l’offerta ricevuta?

E se una persona di buona volontà vuole o meglio  può offrire in beneficenza solo 10 euro invece dei 25 euro imposti?

Non lo può fare perché i suoi 10 miseri euro non bastano per comprare una pianta!!!

E come mai non bastano?

Perché queste associazioni devono pur comprare da qualcuno le piante che vendono, oppure gliele regalano? Non penso proprio.

E queste piante devono essere trasportate da una serra di produzione in giro per tutte le piazze  italiane? O crescono spontaneamente nelle aiuole delle piazze?

E queste piante per essere vendute efficacemente devono essere pubblicizzate da giornali, televisione, manifesti, personaggi famosi? Tutto gratis? Assolutamente no!

Allora facendo due conti da massaia, ipotizziamo che una pianta sia venduta al prezzo medio di 25 euro (oltretutto senza nessuno scontrino fiscale!), togliamone  12/13 di produzione, altri 2/3 di trasporto, altre 3/4  di pubblicità, alti 4/5 di spese varie di gestione, che cosa rimane?

Tante belle parole, tante belle intenzioni, tanta gente che ci ha creduto, centinaia di migliaia di piante vendute, centinaia di migliaia di euro incassati (e meno male che sono associazioni senza scopo di lucro!) , una categoria devastata con i  negozi pieni di merce invenduta, ma soprattutto pochissimi spiccioli da destinare effettivamente alla beneficenza.

 

Con piacere e soddisfazione siamo orgogliosi di contribuire all'iniziativa


TELETHON- FEDERFIORI  SAN VALENTINO 2010


un'operazione solidale fortemente voluta da Federfiori e che vede coinvolti, per la prima volta, anche i colleghi di Assofioristi e di Interflora e Faxiflora.
I fioristi italiani hanno la possibilità di contribuire in maniera concreta alla beneficenza, dimostrando a chi ancora lo mette in dubbio, che I FIORISTI SONO AL FIANCO DELLA SOLIDARIETA' E DI QUELLE ONLUS CHE OPERANO CON SERIETA' E NELL'INTERESSE DI CHI HA VERAMENTE BISOGNO.
Telethon non svuota i negozi in occasione di San Valentino; saremo tutti noi, in tale occasione, ad essere i protagonisti ed a testimoniare alla nostra clientela la nostra solidarietà.
Contribuiamo al successo dell'iniziativa con una seppur piccola  donazione, ma che va direttamente e interamente alla ricerca.

 

Campobasso 09/02/10

Il Presidente Regionale Federfiori

Giuseppe Piano